In visita a Montecassino e alla Ciociaria: che fascino!.

A conclusione del viaggio in Ciociaria con L’Università per la Terza Età di Rimini, dal 27 al 30 settembre 2018, due foto curiose e interessanti e un breve ricordo formulato da una nostra socia:

  1. ad Arpino a parlare dei polacchi che hanno partecipato alla liberazione  dal nazifascismo;
  2. a Montecassino nella “cella” di San Benedetto, fondatore del monachesimo e patrono dell’Europa.
  3.  un breve pensiero a conclusione del viaggio in Ciociaria .

 

La Ciociaria è una terra bella e poco conosciuta, quasi segreta, e scoprirla è stata un’esperienza avvincente.

Si trova a sud-est di Roma, e il suo nome deriva dalle ciocie, tipica calzatura degli antichi pastori e contadini. Ha una storia antichissima con insediamenti di popoli come gli Ernici e i Volsci, di cui rimane ancor memoria e che i romani hanno conquistato a fatica. Durante il periodo preromano sono state quasi sicuramente costruite le strabilianti Mure ciclopiche di Alatri, veramente impressionanti. Sulle loro origini gli archeologi ancora oggi sono divisi e si possono paragonare (ma sono più imponenti) alle Mure di Micene e Corinto. Quando la vide lo storico Gregorovius si commosse e ammise che le ammirava anche più del Colosseo. In epoca romana ad Arpino, o nel suo territorio, sono nati personaggi di assoluto rilievo come Gaio Mario, Cicerone, Marco Vipsanio Agrippa, costruttore del Pantheon, oltre che amico, consigliere e anche genero di Augusto.

Nei tempi cupi di angosce e incertezze, successive alla caduta dell’Impero romano, un faro di straordinaria luce spirituale e culturale si è poi acceso a Monte Cassino, dove San Benedetto ha scritto la famosa regola, sulla quale si sono basate, in seguito, tutte le abbazie di Europa. Sappiamo tutti bene quanto i monaci benedettini abbiano contribuito allo sviluppo umano e culturale delle terre che hanno abitato. Oltre a Cassino, é di straordinario rilievo anche il complesso monastico della certosa di Trisulti.

Anagni viene definita la città dei papi poiché ve ne sono nati ben quattro, ed è particolarmente legata a Bonifacio VIII, papa non certo amato da Dante, come sappiamo, che proprio lì subì il famoso oltraggio dello schiaffo da parte di Sciarra Colonna per l’opposizione irriducibile del papa al re di Francia Filippo IV il bello.

A Tivoli si possono infine vedere due luoghi di assoluta meraviglia, quali la villa di Adriano e Villa d’Este, entrambe patrimonio dell’Unesco.

La Ciociaria è inoltra terra di alcuni tra i più celebri attori di teatro e di cinema di livello internazionale, come Vittorio de Sica, Gina Lollobrigida, Nino Manfredi, Marcello Mastroianni.

Luogo di notevoli bellezze paesaggistiche, di straordinaria cultura, spiritualità e arte, la Ciociaria ha un grande fascino che deve solo essere scoperto.

About the Author: uterimini

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *